Pages Navigation Menu

candidato al Senato per il Partito Democratico

Le mie prime riflessioni dopo il voto: Martedì 5 marzo ore 18,30 al Tombon

votoCari amici del sito, io non sono stato eletto al Senato. Ma, sinceramente, questo è davvero il minore dei problemi.
Il voto è stato per molti versi sorprendente. Il PD e i suoi alleati, come ha detto Bersani, sono arrivati primi ma non hanno vinto. La maggioranza della Camera è diversa da quella del Senato e sarà necessario trovare soluzioni originali, ma precarie, per garantire un Governo all’Italia e per eleggere il nuovo Presidente della Repubblica.
La vittoria in Regione Lombardia della Lega apre un secondo fronte oltre a quello romano. Le tre grandi regioni del Nord sono guidate ora da esponenti politici di un partito che conta il 4% a livello nazionale e che è interessato a dividere e frammentare ulteriormente l’Italia.
Il PD poi, il mio partito…Un vero disastro. Con il 25,4% dei voti (e il 29,5% della coalizione), è stato completamente fallito l’obiettivo minimo.
Pd+Sel+alleati minori hanno raccolto 10.047.603 voti, mentre al primo turno delle primarie per la scelta del candidato premier erano andate a votare 3.107.568 persone.
Significa che il “popolo delle primarie” non ha amici ? Non ha familiari ? Ciascun elettore delle primarie ne riesce a portare al voto vero solo altri due ? Eppure è gente motivata e convinta…
Cosa è successo in soli tre mesi, fra fine novembre e fine febbraio per smorzare quell’onda ?
Infine Milano. In città prevale il centrosinistra. Sicuramente un riconoscimento per la buona amministrazione di Pisapia. Ma forse anche un messaggio politico più ampio. La’ dove il peso dei partiti, di un partito – unico ormai che sopravvive – è meno opprimente, dove la classe dirigente del territorio è più libera, dove si mescolano per davvero partiti e cittadinanza attiva, anche al nord si ottengono risultati migliori e si riesce ad arrivare primi e a vincere.
Maurizio Baruffi

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *